La Conserva di Valverde questa sconosciuta

Data di svolgimento: 04-05-2019

Luogo: Ore 09.45 Via Bagni di Mario, il cancelletto a sinistra del civico 10. Coordinate satellitari 44.481406, 11.336141

Ad ogni partecipante verrà consegnata in omaggio la guida “Fontane e acque“.

Ritrovo ore 09.45. La visita inizierà alle ore 10.00.

La visita si terrà con un numero minimo di 20 partecipanti.

Alla scoperta di una delle due alimentazioni della Fontana del Nettuno.

Di epoca rinascimentale (1563) eseguita da Tommaso Laureti, architetto palermitano, venne realizzata per alimentare la Fontana del Nettuno e altre particolarità idrauliche come il Giardino dei Semplici (oggi piazza coperta della ex Sala Borsa). La struttura è impostata su due livelli. Il livello superiore: scendendo nel sottosuolo incontriamo, oltre ad un vestibolo, una spettacolare sala ottagonale (sovrastata da un’ampia cupola avente stessa forma) dove, nel piano di calpestio, sono scavate otto piccole vasche originariamente destinate a raccogliere l’acqua proveniente da quattro condotti che si inoltrano nella collina di Valverde. Da questi l’acqua usciva depurata mediante un procedimento di decantazione. All’interno del primo cunicolo si segnala la particolarità di un camino di aerazione completamente ricoperto da incrostazioni calcaree secolari. Sempre al livello superiore è presente una seconda piccola camera ottagonale, detta Cisternetta, dotata di una ulteriore vasca di decantazione la quale è collegata, tramite una breve scala, alla sala principale. L’acqua che usciva da questa seconda camera scendeva al livello inferiore tramite un’ apposita tubazione. Il livello inferiore: tutte le acque provenienti dal livello superiore procedevano all’interno di un cunicolo in mattoni fin nei pressi della chiesa di Santa Maria dell’Annunziata, dove si univano a quelle del condotto del Remondato (Fonte Remonda) che a sua volta raccoglieva le acque che scaturivano da san Michele in Bosco. Il condotto situato al piano più basso (non visitabile) il quale sottopassa la vasca centrale oggi non permette più di proseguire verso la città.

Costo: Soci € – Non Soci €

Si consiglia la visita dai 15 anni in su.

Numero massimo partecipanti per turno: 30.

Durata: un’ora e mezza circa.

Attrezzatura: scarpe basse, chiuse, con suola in gomma. No tacchi, no ciabatte, no infradito.

Indicazioni particolari: portare una piccola torcia.

Prenotazioni: segreteria@amicidelleacque.org / mobile 347-5140369

SE NON POTETE PARTECIPARE DOPO AVER PRENOTATO, COMUNICATELO ALLA SEGRETERIA.

Come arrivare:

– In auto: nei dintorni vi sono molti stalli con linee bianche dedicati ai residenti. Fare pertanto molta attenzione. Tentare il parcheggio lungo la via di san Mamolo oppure utilizzare il parcheggio Staveco su viale Panzacchi poi salire a piedi oppure con l’autobus, Linea 29.

– In autobus: utilizzare la Linea 29 e scendere alla fermata Bagni di Mario. Prendere poi la scala situata alle spalle della fermata e, in salita, percorrere via Bagni di Mario fino alla prima curva. Sulla vostra destra vedrete un cancelletto senza numero con la targa “Bagni di Mario”. Entrate e percorrere la scala fino all’ingresso della struttura.