La Sala operatoria di emergenza nel rifugio di villa Revedìn

LA SALA OPERATORIA DI EMERGENZA nel rifugio antiaereo in galleria del Seminario Arcivescovile – Villa Revedìn torna ad essere visibile e fruibile alle prossime visite guidate.
Appena sarà possibile allestirla ne daremo, come sempre notizia, attraverso i vari aggiornamenti.
Da visionare le fotografie inserite in allegato.
Ci si renderà così conto, speriamo da parte di chi legge, del grande e corposo lavoro effettuato.

I NUMERI DEL RECUPERO

Da ottobre 2013, anno del primissimo sopralluogo, a febbraio 2018 (ricordiamo che i lavori alle gallerie iniziarono effettivamente nell’anno 2015).

– 5 tonnellate di materiale ceramico rimosso e smaltito secondo le procedure.
– 45 Kg di ferro rimosso e smaltito.
– 30 Kg di carta rimossa e smaltita.
– 12 Kg di polistirolo rimosso e smaltito.
– 187 i “viaggi” tra la sala e i cassonetti per lo smaltimento.
– 322 i caldarelli svuotati.
– 69 le ore impiegate per vuotare la sala operatoria.

Ripuliti il pavimento e i muri, realizzato impianto elettrico, sistemato il vano alle spalle del muro di fondo e allestito con il materiale ritrovato all’interno della Sala, come parte della porta e una cassetta di munizioni.