Il sottosuolo di Bologna tra passato e recenti scoperte

Il centro storico di Bologna, quello racchiuso all’interno della terza cinta muraria, oggi corrispondente al tracciato dei viali di circonvallazione, è piccolo, se confrontato ad altri capoluoghi italiani come possono essere Torino, Roma, Napoli, Milano. Però, possiamo tranquillamente dirvi che nel suo sottosuolo vi sono ampi spazi i quali superano abbondantemente l’estensione esterna.

Ciò vale, naturalmente, se questi ambienti vengono conteggiati nella propria totalità, ovvero sommati gli uni agli altri.

In 22 anni di esplorazioni (nelle fotografie allegate una delle recentissime…. imponente quel sistema di caldaie a carbone) ne abbiamo viste davvero tante ma sempre qualcosa sfugge, si dimentica, non si conosce. Qui entra in gioco il fondamentale rapporto di fiducia sia con privati cittadini sia con le Istituzioni. Grazie alla loro disponibilità ed ai preziosi permessi si può conoscere e monitorare con attenzione la situazione ipogea.