Villa Malvasia (o villa Clara)

Fotografo Associazione Amici delle Vie d'Acqua e dei Sotterranei di Bologna

Beh, di storie tetre su questa villa se ne sono sentite parecchie… C’è che dice di avere percepito qualche sembianza, chi racconta di avere veduto nelle notti di luna piena strani riflessi provenire dalle lugubri aperture d’ingresso, chi giura che dai condotti inferiori che portavano in aperta campagna uscissero rivoli di sangue causati da chissà quale aberrazione. Pure chi scrive, da

I meandri del convento

0000

Siamo nel 1474 quando il "nostro" convento e l'attigua chiesa iniziano ad essere costruiti. Quadri, stucchi, affreschi ne abbellirono gli interni. Sparirono qualche secolo dopo con il Governo Napoleonico prima e lo Stato unitario successivamente. Alterne vicende e alterne fortune con diversi passaggi di mano. Poi il silenzio... non si permise più a nessuno di entrare essendo ormai diventato di

Il pozzo in caso di assedio

00000

Un castello del bolognese, i suoi corridoi, le sue grandi stanze, la sua torre e i suoi reconditi passaggi sottoterra. Occasione davvero rara, concessa dalla proprietà, quella di poter vedere il "pozzo" dove un tempo veniva nascosto il castellano assieme alla famiglia in caso di assedio. La singolare immagine è stata scattata dal basso verso l'alto. Oggi anche questa parte è stata

Memorie sotterranee fuori Bologna

novellara_rocca

L'omonima mostra raccoglie consensi e interessi anche da fuori provincia e l'argomento dei rifugi antiaerei diventa nuovamente motivo di ricerca in luoghi non ancora visitati. I curatori dell'esposizione, Vito Paticchia e Massimo Brunelli, sono stati invitati dal Comune di Novellara (RE) per effettuare esplorazioni in una delle ale del castello che durante la seconda guerra mondiale fu

La città nel nulla

Romano vendita fiori all'ingrosso

Fuori: polvere, distruzione, urla, grida, insulti, morte, cannoni, catastrofe, pallottole, cadaveri putrefatti che spesso venivano estratti a pezzi e a brandelli dalle tonnellate di macerie di una città agonizzante, aerei che per 94 volte sorvolarono la Dotta, la Rossa e Grassa Bologna rendendola fragile, alla mercè di tiratori volanti che giocavano a colpire le Due Torri, assunte a simbolo

Novità sconosciute, o quasi, a Bentivoglio

0001

Le bellezze artistiche che il territorio della provincia di Bologna custodisce sono davvero tantissime, molte sconosciute, molte di cui la loro esistenza è nota ma che per svariati motivi non si possono ancora ammirare. Bentivoglio, prolifica e attiva cittadina, distesa lungo le rive del canale Navile, ne possiede molte di queste particolarità che sono sotto gli occhi di tutti, ma che, forse,

La città sconosciuta

0000

Grazie ad una importante quanto nota Istituzione, giovedì 15 gennaio, si sono potuti esplorare molti enormi sotterranei risalenti al Settecento e che nel secondo conflitto mondiale furono adattati a rifugio antiaereo per circa 800 persone (le schede tecniche e le relazioni sul ricovero, redatte dal Genio Civile sono già in archivio). La proprietà ha dato il benestare di poter effettuare

Fantasmi a Bentivoglio?

cropped-Schermata-2014-11-04-alle-15.50.51

Le ricerche possono essere tante, comprendere diversi argomenti, essere di varie forme, assolute o relative, che siano attendibili o frutto di “sentito dire”. Proprio per cercare e capire nuove conoscenze scientifiche, l’Associazione Amici delle vie d’acqua e dei sotterranei di Bologna, non si è mai tirata indietro nei momenti in cui si poteva eseguire tutto questo ed è sempre stata

Bologna sotterranea® su WhatsApp

Whatsapp

Da oggi gli Amici delle vie d'acqua e dei sotterranei di Bologna / Bologna sotterranea®  sono raggiungibili anche tramite Applicazione "Whatsapp". Chi volesse iscriversi al Gruppo può inviare SMS, lasciando nome e cognome, al numero 349/4666601. Le novità e le iniziative dell'Associazione saranno ancora più vicine. Sarà un'ottimo sistema per inviare notizie e foto esclusive, ed in

Le lapidi perdute

0000

In tanti anni, passati ad esplorare cunicoli e condotti sotterranei, ci siamo spessissimo imbattuti in oggetti di ogni genere, da quelli personali, abbandonati e poi lasciati o finiti lì chissà come, ai manufatti creati appositamente per ricordare determinati momenti o realizzazioni. E questo è il nostro caso. Di recente, all’interno di un corso d’acqua, oggi totalmente ipogeo e